Da mercoledì 9 giugno al 21 luglio

«LIBeRI», incontri a Villa Pallavicini

Cultura, arte e sport per ripartire dopo la pandemia

«LIBeRI» è il titolo volutamente «doppio», con un gioco di paroletra «libri» e «liberi» di una serie di incontri con protagonisti della cultura, dello sport, dell’arte che avranno a tema la speranza esi terranno da mercoledì 9 giugno al 21 luglio (ingresso libero nel rispetto della normativa anticovid) a Villa Pallavicini (via Marco Emilio Lepido 196).

La rassegna è promossa dalla Fondazione Gesù Divino Operaio, con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Bologna, e con il sostegno del Comune di Bologna, all’interno del calendario di Bologna Estate. Questo il programma (inizio incontri ore 21:15):

  • mercoledì 9 giugno, Franco Nembrini e il e cardinale Matteo Zuppi parlano de «La Divina Commedia» (Mondadori); conduce Beppe Boni;
  • mercoledì 16 giugno,  Antonio Polito e l’Arcivescovo presentano «Le regole del cammino» (Rizzoli); 21 giugno Luca Corsolini e atleti olimpionici parlano de «Il mito della V nera» per il 150° Virtus;
  • mercoledì 23 giugno, Mariella Carlotti e Gianmarco Piacenti trattano de «Il restauro della Basilica della Natività a Betlemme», in collegamento video: Padre Ibrahim Faltas, Discreto della Custodia di Terra Santa;
  • mercoledì 30 giugno, Paolo Cevoli e Francesco Suffritti presentano «Marketing romagnolo» (Solferino) e «Il cielo da quaggiù» (Pendragon); conduce Paolo Gambi.
  • lunedì 5 luglio, sarà Sinisa Mihajlovic a presentare il suo «La partita della vita» (Solferino), conduce Sabrina Orlandi;
  • mercoledì 14 luglio, Matteo Marani (Sky Sport) e e il cardinale Matteo Zuppi parleranno di «Dallo scudetto ad Auschwitz. Storia di Arpad Weisz allenatore ebreo», edizioni. Diarkos;
  • mercoledì 21 luglio, Cesare Cremonini e il cardinale Zuppi parleranno di «Let them talk» (Mondadori), conduce Massimo Bernardini.

La rassegna si aprirà mercoledì 9 giugno con un programma interamente dedicato a Dante nella ricorrenza dei 700 anni dalla morte. Prima dell’incontro, alle 19 sarà inau- gurato Il Giardino di Dante, primo e unico in Italia, con una installazione artistica che trasforma gli alberi del parco in memoria poetica. L’inaugurazione vedrà poi la recita corale del canto 28 del Purgatorio da parte di un gruppo di universitari, a cui si uniranno tutti i presenti.

Don Massimo Vacchetti, organizzatore e presidente della Fondazione Gesù Divino Operaio spiega che «LIBeRI vuole essere una rassegna di presentazioni di libri in cui a tema c’è la speranza, attraverso l’incontro con scrittori autori e personaggi del mondo dello sport, della cultura e dell’arte. Non a caso si svolgono presso il Villaggio della Speranza all’interno di Villa Pallavicini che da trent’anni, costituisce un laboratorio in cui il vivere non si riduce ad abitare, ma è relazione, dialogo, sostegno, amicizia tra generazioni e nazionalità diverse. Perché la vita, in tutte le sue dimensioni, possa essere incontrata e raccontata. E la vita, rifiorire».

 

condividi su