Emergenza guerra

La Caritas all’Hub di accoglienza per gli ucraini

Una rete di accoglienza di famiglie e parrocchie

Il servizio della Caritas all’Hub di accoglienza per l’emergenza Ucraina dell’Autostazione di Bologna.

Un grande peluche, il gioco della campanella sul pavimento, disegni lungo le pareti. Segni di attenzione ai bambini e alle loro mamme che fuggono dalla guerra in Ucraina. E’ anche questo l’Hub di prima accoglienza in Autostazione allestito per essere una prima porta all’arrivo a Bologna. Questura, Comune, Polizia, Ausl, Croce Rossa e Caritas accolgono i profughi e in un percorso coordinato cercano di dare supporto, alloggio e cure mediche necessarie.

Tra i tanti passi dell’Autostazione, da sempre crocevia di partenze e di arrivi, la storia ha portato anche i passi di tanti ucraini carichi di speranza, almeno per un po’ di protezione e stabilità. Ogni pomeriggio i volontari dell’Agesci intrattengono i bambini e i ragazzi durante le attese per il rilascio dei documenti o le pratiche sanitarie. Un momento di gioco di accoglienza per evadere dai pensieri di guerra.

condividi su