Domenica 20 marzo

La Giornata di solidarietà con Iringa

Alle 17.30 in Cattedrale la Messa dell'Arcivescovo Zuppi anche in streaming

 

La Terza Domenica di Quaresima da 48 anni segna la Giornata di solidarietà tra le diocesi di Iringa e quella di Bologna.

L’1 gennaio 2022 si è poi festeggiato il decennale della nuova parrocchia di Mapanda, precedentemente succursale di quella di Usokami. È lì che ora si trovano i padri bolognesi: don Davide Zangarini e don Marco Dalla Casa. Sono anniversari significativi per la Chiesa di Bologna e il suo camminare insieme, il Sinodo.

Domenica 20 durante la Messa dell’Arcivescovo in Cattedrale alle ore 17.30 verrà letta la lettera che il parroco di Mapanda, don Davide Zangarini, ha inviato alla diocesi e che verrà inoltrata anche nelle parrocchie. Sul nostro sito saranno disponibili tracce per la preghiera comunitaria. Ricordiamo che le raccolte delle Messe del 20 vanno inviate in Curia, per la parrocchia di Mapanda e la diocesi di Iringa; si possono versare sul conto intestato ad Arcidiocesi di Bologna, Iban IT02S0200802513000003103844 causale: «Offerta per la parrocchia di Mapanda».

Non dobbiamo dimenticare che la missione ha arricchito la nostra vita ecclesiale. Anzitutto attraverso la presenza dei padri, delle suore Minime e dei consacrati della Famiglia della Visitazione, che via via si sono succeduti a Iringa e poi sono rientrati a Bologna, e del laico Carlo Soglia. Poi con i viaggi, che hanno permesso a tanti del bolognese di vivere un’esperienza missionaria. E ci sarebbe ancora tanto da fare per l’ascolto della Chiesa locale tanzaniana, del suo modo di vivere il Battesimo e l’annuncio che ne è stato causa e ne è l’esito. La spinta del camminare insieme ci permetta una riflessione anche riguardo il camminare sulle lunghe distanze, geografiche o temporali, ma che ci educano ad avviare processi senza voler vederne subito il risultato.

Anche dalla parrocchia di Mapanda sta salendo la preghiera per la pace. Anche quest’anno come Centro missionario proponiamo alcuni appuntamenti, che hanno come motto una frase che don Tarcisio Nardelli ripeteva: «Il futuro è sempre migliore!».

Centro missionario diocesano

 

condividi su