Vicinanza alla Chiesa francese

Attentato di Nizza, Lafram porta le condoglianze al cardinale

In Cattedrale l'incontro tra l'arcivescovo, il presidente dell'Ucoii e il sindaco di Bologna

BOLOGNA – A seguito dell’attentato avvenuto nella mattinata di giovedì 29 ottobre nella Basilica di Notre-Dame a Nizza, il presidente dell’Ucoii (Unione delle comunità islamiche in Italia), Yassine Lafram, si è recato subito in serata in Cattedrale per incontrare l’Arcivescovo di Bologna, Card. Matteo Zuppi, e manifestargli il profondo cordoglio per le vittime della strage. All’incontro ha partecipato anche il Sindaco di Bologna Virginio Merola.

Qui il video dell’incontro e le dichiarazioni del cardinale Matteo Zuppi,  di Yassine Lafram e del sindaco Virginio Merola.

La notizia dell’incontro era stata anticipata da un comunicato stampa della Chiesa di Bologna che riportava come l’Arcivescovo, esprimendo la propria vicinanza alla Chiesa di Nizza, a quella francese e alle famiglie colpite dall’attentato, ha pregato per loro in Cattedrale.

«In questo doloroso momento ci sono sdegno e tristezza – ha affermato il Card. Zuppi – perché ancora una volta vengono colpite persone innocenti e le comunità cristiane. Vi deve essere da parte di tutti la condanna di ogni tipo di violenza, maggiormente di quella che bestemmiando nel nome di Dio usa le religioni per giustificarsi. Dobbiamo ricordarci che siamo tutti fratelli e che l’unica via da percorrere è quella del dialogo, per isolare i terroristi e perché nessun credente sia vittima di violenza. Siamo vicini a coloro che sono stati colpiti e a quelli impegnati in prima linea a portare aiuto, fede e speranza. Preghiamo anche, come ha fatto Papa Francesco esprimendo vicinanza a tutta la comunità cattolica e al popolo francese, perché il perdono di Cristo prevalga sempre di fronte a questi atti contro l’umanità».

Il cordoglio delle comunità islamiche italiane è stato espresso anche alle famiglie delle vittime della strage. «Condanniamo con forza gli estremismi violenti – ha dichiarato Lafram in un messaggio – che nulla hanno a che vedere con gli insegnamenti della nostra religione e il nostro credo.Nessuno usi il nome di Allah indegnamente per giustificare atti ingiustificabili, deprecabili e barbari. L’Unione manifesta la sua preoccupazione in merito al degenero continuo della situazione interna francese. È importante che, in questi momenti di tensione, si abbassino immediatamente i toni per poter agevolare una proficua collaborazione per il bene delle nostre società europee. Serve per questo uno sforzo collettivo da parte di tutti, società, istituzioni francesi ed europee».

Anche la Cei, in una nota della Presidenza, ha manifestato «dolore e vicinanza alle vittime del crudele attentato di Nizza» e allo stesso tempo «la più ferma condanna della cultura dell’odio e del fondamentalismo che usa l’alibi religioso per corrodere con la violenza il tessuto della società». E infine ha espresso nella preghiera la speranza evangelica «che l’odio di pochi non dissipi il patrimonio prezioso costituito da una grande maggioranza di persone di diverse religioni che, quotidianamente, testimoniano in pace l’esperienza gioiosa della fraternità nella multiculturalità».

condividi su