Dal 12 al 29 settembre

Il cammino dei campanari

In pellegrinaggio da Bologna a Roma tra silenzi e rintocchi

«Il cammino dei campanari», un viaggio da Bologna a Roma


I campanari si mettono in Cammino. Da questa mattina un pellegrinaggio in partenza da Bologna li porterà diritti a Roma con l’arrivo previsto il 29 settembre. I campanari delle quattro associazioni emiliane-romagnole propongono per il tratto regionale un triduo, tre giorni di suono verso l’Alto Appennino, un pellegrinaggio, una scia sonora verso il Santuario di Montovolo, che da secoli celebra la Natività della Vergine l’8 settembre. Tutti sono invitati: i campanari a suonare e camminare testimoniando la loro passione e il loro servizio, gli sportivi e gli amanti della natura a godere del paesaggio nell’alternanza fra silenzio e suono.

«Lo facciamo per trovare una via che porta verso un futuro da scoprire – ha spiegato il promotore Giovanni Vecchi -, ma soprattutto da inventare, pieno di incognite e speriamo di opportunità. Quello che portiamo lungo il viaggio è una tradizione secolare, un insieme di sapere, di pratica, di tecnica, di relazioni che chiamiamo “campaneria”. Perché l’idea di un cammino? Trae spunto da questo particolare momento storico, in cui tutti avvertiamo il desiderio e il dovere di ripartire. Lo vogliamo fare, mettendo al centro del nostro pellegrinaggio attraverso la sfolgorante bellezza dei paesaggi del centro Italia, da Bologna a Roma, la riflessione su quale possa essere il futuro delle campane e dei campanari. Dietro il nostro suono manuale c’è la sensibilità delle comunità di campanari, forse piccole ma fortemente connotate e con spiccato senso del servizio, quasi della missione; i campanari sono testimonianza di vita e di partecipazione, in contrasto con gli automatismi che diffondono segnali freddi, facendo sì che i pensieri non abbiano una casa».

Info sul sito www.ilcamminodeicampanari.com

 

condividi su