Ufficio famiglia, Consultorio, parrocchie e religiosi in campo

Vicini a chi ha bisogno

Punti di ascolto, consulenza telefonica e via internet

BOLOGNA – Sportelli di ascolto, video mirati alle problematiche familiari, disponibilità al dialogo. Sono alcune delle tante iniziative messe in campo dalla diocesi, dalle parrocchie o da alcuni religiosi per continuare a rimanere vicino alle persone in questo particolare periodo di emergenza. Un aiuto concreto, subito, nel bisogno.

Tra le tante iniziative in campo ne segnaliamo quattro.
La prima è organizzata dal Consultorio Familiare Bolognese e si intitola “Restiamo in ascolto”. E’ un servizio di consulenza e di sostegno psicologico per le famiglie, le coppie e le persone, che in questo periodo di grave emergenza sanitaria, sono obbligate a una convivenza forzata e potrebbero avere momenti di affaticamento e di sconforto. Il servizio è gratuito ed è assicurata la privacy. Per accedere a questo servizio è possibile:
  • inviare una mail a info@consultoriobolognese.com indicando un recapito telefonico e una fascia oraria in cui poter essere richiamati
  • telefonare al numero 051.6145487 dalle 9 alle 13 o dalle 15 alle 18, dal lunedì al sabato
  • attraverso il form del sito del Consultorio alla pagina contatti:www.consultoriobolognese.com.(Un operatore risponderà e, a seconda della richiesta, darà ascolto e consulenza o telefonica o tramite Skype o Meet).

La seconda iniziativa è organizzata dall’Ufficio Pastorale Famiglia insieme al Consultorio Familiare Bolognese e si intitola “Sentiamoci vicini”. Il gruppo di lavoro che ha pensato e creato questo progetto è composto da psicoterapeuti, educatori, counselor e sacerdoti. Con la collaborazione di “Obiettivo sociale” verranno pubblicati, sul canale youtube – Consultorio Familiare Bolognese, dei video a tema in numero di due a settimana, il martedì e il venerdì. Si inizia domani, martedì 31 marzo, e si prosegue fino al 12 maggio. I promotori raccolgono opinioni e riscontri agli indirizzi mail: famiglia@chiesadibologna.it oppure info@consultoriobolognese.com.

La terza opportunità è offerta dalle religiose di Casa santa Marcellina. In questo tempo di distanza può capitare di vivere con fatica il silenzio, perché si è soli. È un tempo in cui siamo portati a riflettere e abbiamo il desiderio di condividere e confrontarci, anche se non viviamo da soli. Per questo chi desidera può rivolgersi a suor Elsa chiamando dalle 16 alle 21 lo 051777073 o scrivendo a casasm@hotmail.it. Casa santa Marcellina è un luogo per cercare il silenzio che apre all’ascolto di Dio e alla comprensione di sé. L’accoglienza e il dialogo sono strumenti che accompagnano. Dobbiamo restare a casa, ma abbiamo gli strumenti per condividere e cercare insieme.

La quarta è della parrocchia di San Paolo di Ravone. La Caritas parrocchiale ha messo a disposizione un Centro di ascolto telefonico, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17. «Per sostenere la nostra comunità in questo momento difficile – spiegano i promotori – e ascoltare i bisogni di chi vive solo, delle persone anziane e di chi ha solo voglia di scambiare due parole». Il numero a disposizione è 375.6418673; email: centroascoltoravone@gmail.com

Facebooktwittermail