La Messa di domenica 17 maggio in cattedrale

La gioia di incontrare Maria

Zuppi: «E' la visita più emozionante e attesa»

BOLOGNA – La prima Messa davanti all’Immagine della Madonna di San Luca in cattedrale è stata presieduta domenica 17 maggio in mattinata dal cardinale Matteo Zuppi.

«Quanta gioia la sola presenza qui della sacra immagine! – ha detto nell’omelia l’arcivescovo –. E’ la prima emozionante visita, la più attesa, che riempie di significato e gioia tutte quelle che speriamo si realizzino presto e pongano termine a tanta distanza che abbiamo dovuto vivere in queste settimane per proteggere e proteggerci. Abbiamo imparato che siamo e dobbiamo essere sempre responsabili gli uni degli altri, che non possiamo essere indifferenti o sconsiderati, che dobbiamo stare attenti a come stiamo e siamo per non mettere in pericolo il prossimo, chiunque esso sia».

«Abbiamo posto la Sacra immagine il più possibile vicina a noi, – ha proseguito il cardinale – perché i suoi occhi fossero raggiunti da nostri occhi e viceversa. E’ posta sulla cattedra del vescovo, di colui che solo per grazia di Dio presiede alla comunione e nella comunione. Lei è Madre della Chiesa e la Regina degli apostoli e ci ricorda che la chiesa è madre di tutti i suoi figli, non ne vuole perdere nessuno. Ecco la Chiesa è una famiglia di fratelli che come Maria ascoltano e mettono in pratica».

Nella riflessione un passaggio è stato dedicato anche al maestro Ezio Bosso, recentemente scomparso: «Ha camminato con tanta forza regalando emozioni intense e intime e ha aiutato a capire come, lo cito, “la nostra potenza non è nella forza, ma nasce dalla fragilità, dal non avere sempre le parole, da vivere il problema come un’opportunità”, tanto che il peggioramento fisico gli aveva fatto scoprire una nuova vita, senza più filtri. Che tutti loro possano incontrare Dio, il grande direttore che non si stanca di preparare una sinfonia unica di amore, che si prende cura di ognuno dei suoi musicisti, che li conosce uno per uno, che cerca di comporli assieme, che li ascolta e insegna loro che il segreto della vita è ascoltare, l’ispiratore di ogni bellezza». 

Al temine della celebrazione la cattedrale è stata aperta per la visita personale dei fedeli all’Immagine seguendo le norme di sicurezza sanitaria vigenti in questo periodo di pandemia.

Le celebrazioni sono state trasmesse in diretta su E’Tv-Rete7, Trc, Radio Nettuno, Canale 99 e in streaming sui canali di 12Porte.

Qui la fotogallery a cura di Antonio Minnicelli ed Elisa Bragaglia

 

Facebooktwittermail