L'invito per oggi ad addobbare a festa la città e i paesi

Gli auguri di Pasqua dell’arcivescovo

Il suono delle campane a mezzogiorno e alle 19 in tutta la diocesi

BOLOGNA – Il videomessaggio di auguri del cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna.

«Guardiamo con nuova determinazione il nostro futuro – ha detto l’Arcivescovo in questo messaggio di auguri che è anche pubblicato su Bologna Sette della domenica di Pasqua – perché il discepolo di Gesù, colui che ha ricevuto quest’annuncio così bello e ha incontrato il Signore vivo, combatte il male perché sa che non domina più. E le molte rovine, le tristezze, la morte che ha segnato tanti in queste settimane di lotta contro il virus, ci devono far amare la vita. Siamo più consapevoli, ma anche più veri. Ecco, oggi celebriamo la forza dell’amore di Dio, che diventa anche la nostra forza. La Pasqua è luce che non è spenta».

L’Arcivescovo, inoltre, invita tutti ad abbellire domenica di Pasqua la città e i paesi, come segno esterno di resurrezione e vita nuova, addobbando le finestre, i balconi delle case,  chiese, campanili e torri con i tradizionali addobbi, con drappi colorati, stendardi, bandiere e soprattutto con i disegni dei bambini di questo periodo. A Mezzogiorno e alle ore 19.00 tutte le campane suoneranno a festa.

«Vorremmo manifestare con un segno concreto la nostra gioia – afferma l’Arcivescovo – rendendo bella e colorata la nostra città, partendo dai luoghi dove abitiamo. Esponiamo dalle finestre e dai balconi gli addobbi tradizionali ma anche quanto riteniamo mostri vita e fiducia nel futuro, come disegni e tappeti».

Anche i Sindaci invitano ad adornare finestre e balconi delle case e il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, afferma: “È una Pasqua particolare ed è importante viverla tutti insieme, nelle varie sensibilità, in quelle religiose e non. Invito a partecipare a questa festa, insieme, esponendo anche bandiere, dell’Italia e dell’Europa, come segno di appartenenza comune». Il Sindaco ha inoltre annunciato che lunedì 13 aprile sarà insieme all’Arcivescovo in visita alla Madonna di San Luca al momento della Sua uscita e della benedizione alla città.

Facebooktwittermail