Un percorso sulle migrazioni

“Vite in dialogo” alla Beverara

Primo appuntamento il 5 febbraio al Centro civico Borgatti

BOLOGNA – Da che mondo è mondo, uomini e donne hanno sempre viaggiato. La dimensione del viaggio ha infatti caratterizzato la razza umana sin dalle più remote origini. C’è un viaggio di scoperta e uno intrapreso sulla spinta di un’emergenza, come la guerra e la carestia.

Si viaggia in cerca di fortuna, per un legame d’amore, o semplicemente per vedere altri angoli del mondo. Le vaste migrazioni di questi decenni hanno gettato luce sul dramma delle migrazioni forzate. Questi temi sono la trama del nuovo ciclo d’incontri («Vite in dialogo») realizzato da un gruppo di laici impegnati nella parrocchia di S. Bartolomeo della Beverara e nella vita del loro quartiere, il Navile, una delle zone della città maggiormente interessate dai fenomeni migratori.

Si parte il 5 febbraio nella Sala Piazza Centro Civico Borgatti, in via Marco Polo, 51, con «Percorsi di pace, voci e canti di chi cammina per costruire ponti di fratellanza» (partecipano all’incontro Mattia Cecchini, don Mattia Ferrari, Carla Zoni, Jessica Sanna e Federico Tonietto). Mercoledì 19 sarà la volta del viaggio per lavoro e il 18 marzo quello per amore; il viaggio di scoperta il 22 aprile e quello per superare i muri il 6 maggio. Tanti ospiti e tante storie al centro civico Borgatti di via Marco Polo. Nulla di meglio per mettere in dialogo le vite e guardare con occhi nuovi i migranti dei nostri giorni.

Ignazio De Francesco

Scarica il volantino di VITE IN DIALOGO

Facebooktwittermail